Isole di plastica negli oceani: STOP! Anche tu puoi!

Di 0 0

Isole di plastica negli oceani sin dal lontano 1979! Allora è stata vista la prima. Oggi la comunità per sensibilizzare è sempre più in crescita: il pericolo di raccogliere più plastica che pesci è incombente!

Si tratta di agire attivamente, subito, come abbiamo già avvisato nell’articolo scorso, che trattava il pericolo della plastica in mare.  La fondazione One Ocean Foundation, istituita da Yacht Club Costa Smeralda e la principessa Zahra Aga Khan, di uno dei più influenti reali del pianeta, già molto attiva per la salvaguardia ambientale soprattutto in Sardegna, hanno dato il via One Ocean Film Unit presieduto dalla regista Cristiana Capotondi.

Dobbiamo sensibilizzare le coscienze e cercare tutti di pensare blu.
Cristiana Capotondi
@criscapotondi

E tu? Sì, puoi fare anche tu qualcosa. Ecco come!

Scegli di agire!

PUOI AGIRE ATTIVAMENTE 
COMINCIA A MIGLIORARE IL PIANETA! ORA! 
COME?
METTI A DISPOSIZIONE LE TUE ABILITÀ
E FAI PARTE DELLA COMMUNITY
Agisci ora! I Love This Planet

Agisci ora! I Love This Planet

 

Con One Ocean Foundation la Capotondi a settembre farà le veci di Managing Director per la realizzazione della serie di cortometraggi dedicati alla salvaguardia del mare.

Sì, l’abbiamo già trattato il tema dell’incombenza della plastica sempre più presente nei nostri oceani e oggi la comunità cinematografica italiana si sta mobilitando, creando attivamente una serie di short movies che sono stati proiettati in esclusiva al LIDO DI VENEZIA, dal 29.08 al 08.09 2018, all’interno della manifestazione BIENNALE CINEMA 2018. 75 esima MOSTRA INTERNAZIONALE D’ARTE CINEMATOGRAFICA.

One Ocean Foundation è la fondazione nata all’inizio del 2018 dall’iniziativa tra Yacht Club Costa Smeralda con la principessa Zahra Aga Khan. La principessa e la sua famiglia sono già ben noti in Sardegna per numerose altre iniziative atte a preservare la bellezza di questo Pianeta.

Per sensibilizzare le coscienze contro l’invasione della plastica nei nostri mari One Ocean Foundation prevede una serie di short film perché il rischio di raccogliere dal mare nel 2050 più plastica che pesce è più reale che mai.

I Love This Planet - Photo by Dustan Woodhouse

I Love This Planet – Photo by Dustan Woodhouse

Il progetto One Ocean Film Unit è stato presentato alla Mostra del Cinema di Venezia 2018. L’intero progetto sarà svelato man mano che prenderà forma così come tutti i partecipanti e tutti i registi che collaboreranno. Lo scopo non è quello di arrivare alla prima a settembre, bensì di portare i corti anche nelle scuole per educare la sensibilità al rispetto del gran padre Oceano Mare.

Il primo regista interpellato è stato Paolo Genovese, @paologenoves, noto per l’opera ”Perfetti sconosciuti”, che ha già cominciato le riprese nella laguna di Venezia, bacino di San Marco, con un set cinematografico aperto a tutti, cronisti e sensibili al tema.

Sin dall’inizio sosteniamo la possibilità, anzi il dovere, da parte di tutta la comunità di:

per far capire a tutti la responsabilità quotidiana nei confronti del Pianeta, nei confronti delle generazioni future.

Per One Ocean Film Unit, si inizia attivamente con la social action tra i vari media, utilizzando gli hashtag:

#OneOceanFoundation

#ChartaSmeralda

per postare ovunque tutte le foto e i video del nostro mare violato.

Ecco il prossimo passo da fare!

Scegli di agire!

PUOI AGIRE ATTIVAMENTE 
COMINCIA A MIGLIORARE IL PIANETA! ORA! 
COME?
METTI A DISPOSIZIONE LE TUE ABILITÀ
E FAI PARTE DELLA COMMUNITY
Agisci ora! I Love This Planet

Agisci ora! I Love This Planet

Credits:
  • Photo by Dustan Woodhouse 
  • La foto della regista e attrice Cristiana Capotondi è uno scatto di Paolo Ciriello

 

Learning never ends.
I achieved personal successes through every project I’d managed, like this blog, twitting since 2014 for the Awarded Rugbyunited.org.uk, and more. In every of those role during my carrier in Communication Manager I can say: “All we have to know is how to love this Planet and spread it!”

No Comments Yet.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *