Con coscienza del futuro Kadir van Lohuizen ha viaggiato per un report pazzesco sul commercio delle immondizie che stanno coprendo il pianeta. GUARDA che roba!

Ci sono fotografie che fermano un attimo, che raccontano alla perfezione un avvenimento, altre capaci di cogliere un fenomeno con coscienza del futuro che va ben oltre l’istante in cui sono state scattate. E queste di Kadrin sono delle prove perché ci fanno vedere come stiamo cambinado il nostro Pianeta. Per capire di agire attivamente ora, lo puoi vedere anche tu in diretta con Earth Google Engine.

Clicca qui e renditi utile anche tu! ORA!

È l’olandese Kadir van Lohuizen a ricevere il primo premio nella sessione storie della categoria Ambiente del World Press Photo 2018. Ha vinto un’immagine che cattura un ragazzo quasi sommerso da un carico abnorme di bottiglie di plastica. Una metafora dell’uomo che verrà inghiottito dalla sua propria produzione di scarti. Un’allucinazione che è già realtà.

Discarica di Olusosun, Nigeria© Kadir van Lohuizen/NOOR

Siamo in Lagos, Nigeria. Nella discarica di Olusosun, qui oltre 3.000 tonnellate di immondizia arrivano ogni giorno, dove il cambiamento climatico si vede, si tocca, si annusa.

Oltre 4.000 persone, la maggior parte delle quali ci vive sopra, scavano tutti i giorni tra il pattume, con le mani, cercando qualunque cosa abbia anche un valore minimo riconoscibile, che sia rivendibile, riciclabile.
(…mi percorre un brivido di freddo scrivendo questo post).

Clicca qui e renditi utile anche tu! ORA!

Oggi produciamo quantità di rifiuti pari a 10 volte maggiore di un secolo fa. Con coscienza del futuro Questo ritmo non è più sostenibile..

Il reportage di Kadir van Lohuizen è di luglio 2017 ed esprime, soprattutto oggi, tutto il focus del dibattito mondiale. Le due domande alla quali tutti, anche noi, abbiamo trovato la soluzione:

  • sono nostre, cittadini e governanti, le responsabilità per il mantenimento dell’ecosistema,
  • soprattutto dobbiamo intervenire subito, per un futuro sostenibile.

“Wasteland” (“Terra dell’immondizia/Terra persa”) è la serie di immagini della mostra che documenta come l’inquinamento prodotto dalla produzione umana sta trasformando dal 2016 le sei più grandi megacittà in montagne di cumuli di pattume:

  • Jakarta,
  • Tokyo,
  • Lagos,
  • New York,
  • São Paulo,
  • Amsterdam.

Il loro pattume era destinato alla Cina ma dal 2018 ha chiuso il commercio di immondizia. 

Al lavaggio delle borse di plastica, in Bantar Gabang, Indonesia © Kadir van Lohuizen/NOOR

La Cina ha chiuso il commercio della spazzatura

Il governo Cinese ha in programma di portare a zero l’import di spazzatura entro la fine del 2019, quello legale. Ma la produzine delle magacittà non rallenta alimentando quindi il mercato nero del “riciclo” illegale.

Le discariche e le baraccopoli sono colme di immondizia e l’ultimo World Economic Forum, tenutosi tra il 22 e il 25 Gennaio, 2019 a Davos-Klosters in Svizzera, ha confermato che se continuamo con queste cifre entro il 2050 ci sarà più plastica che galleggia negli oceani di quanti pesci siano oggi presenti.

Durante il forum sono intervenuti tutti i principali esponenti non solo politici quali Al Gore, noto attivista per l’ambiente, ma soprattutto pubblici quali la candidata al Nobel per la pace, la più giovane mai candidata Greta Thunberg.

David Attenborough says 'The Garden of Eden is no more'

‘We have changed the world so much that scientists say we are now in a new geological age, the Anthropocene – the Age of Humans.’Watch more of Sir David Attenborough’s Crystal Awards speech here: https://wef.ch/2R7TjdI #wef19

Pubblicato da World Economic Forum su Mercoledì 23 gennaio 2019

 

Clicca qui e renditi utile anche tu! ORA!

Il genere umano sta producendo troppa immondizia, mai come prima. Sono i dati della World Bank, che dimostrano come il mondo genera 3,5 milioni di tonnellate di scarto solido. OGNI GIORNO, 10 volte le cifre di cento anni fa.

La tantissima immondizia è dovuta per

  • il crescente aumento della popolazione (oltre i 7 miliardi, stimati),
  • la crescente posperità economica, che alimentano la crescita anche’essa,
  • e perchè i paesi stanno diventando sempre più ricchi.

D’altra parte è chiaro che la composizione della spazzatura oggi è più complessa:

  • includendo molti più involucri su tutti gli oggetti,
  • la presenza di componenti elettroniche,
  • e tante più parti che si devono rompere e buttare
  • e meno invece le parti organiche, le uniche che potrebbero essere auto riciclati.

Non rimanere lì inerme, datti da fare ora!

I LOVE THIS PLANET cerca te!
I LOVE THIS PLANET cerca te!

Fonti

Nature, Environment: Waste production must peak this century:
Daniel HoornwegPerinaz Bhada-Tata Chris Kennedy.
https://www.nature.com/news/environment-waste-production-must-peak-this-century-1.14032#/b2

Financial Times, Why the world’s recycling system stopped working:
Leslie Hook and John Reed.
https://www.ft.com/content/360e2524-d71a-11e8-a854-33d6f82e62f8

World Press Photo: https://www.worldpressphoto.org/collection/photo/2018/28831/1/2018-Kadir-van-Lohuizen-OTS-AJ-(1)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here